"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

domenica 1 novembre 2015

Il Lago ed i finanziamenti europei: avviata una collaborazione italo-slovena (II)

Qualcosa si muove, dunque, attorno al futuro del Lago. La Regione, in accordo con Comuni e Comitati, sta concordemente operando per valutare la possibilità di accedere a fondi europei per consentire la prosecuzione delle indagini scientifiche sulle caratteristiche del Lago avviate da Ismar, Ogs e Cnr nello scorso mese di maggio e, parallelamente, accertare sul piano tecnico la possibilità di realizzazione del by-pass capace di riportare il Lago alle originarie condizioni di naturalità.

L'argomento è stato oggetto di un ampio servizio del telegiornale di Telefriuli trasmesso nella serata del 30 ottobre, filmato che viene qui riproposto per consentirne la visione a quanti ne fossero interessati:

video


Ne ha parlato anche il "Messaggero Veneto" di ieri:


Si spera nell’Europa per restituire al lago maggiore naturalità


TRASAGHIS. Un progetto europeo per la continuazione degli studi e le ricerche sul lago dei Tre Comuni. A predisporlo è l’assessorato regionale all’ambiente d’intesa con i Comuni della Val del lago e i comitati a difesa del bacino in collaborazione con l’Istituto di Scienze marine di Bologna e l’Osservatorio geofisico sperimentale di Trieste. L’obiettivo è accedere a finanziamenti europei partecipando a un programma di cooperazione transfrontaliera Interreg in tandem con una realtà slovena. L’avvio dell’iter per il progetto avviene all’indomani della campagna di ricerche condotta sul lago dei Tre Comuni nell’ultima settimana di giugno dai ricercatori dell’Istituto di Scienze Marine (Ismar) di Bologna del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr). I dati raccolti durante le campagne estive sono in via di elaborazione e presto saranno presentati al pubblico. L’obiettivo degli studi è acquisire un quadro completo dello stato del lago, quadro preliminare e funzionale all’attuazione del Piano regionale di tutela delle acque (Prta) che per il lago prevede di valutare la fattibilità tecnico-economica di realizzazione di un canale di by-pass che convogli direttamente le acque della centrale di Somplago all’emissario del lago di Cavazzo, lo scopo è recuperare le condizioni di naturalità del lago stesso. 
«In questi ultimi anni - spiega il sindaco Augusto  
Picco - il lago dei Tre Comuni ha destato un crescente interesse turistico e ricreativo raggiungendo nella stagione appena conclusa un elevato livello di presenze nazionali ed estere. Ciò impone che si pongano in atto interventi mirati a recuperare le condizioni di naturalità del lago stesso». (p.c.)
(Messaggero Veneto, 31 ottobre 2015)

Ai lettori, il rinnovato invito a continuare a seguire gli sviluppi della questione, intervenendo anche con commenti e osservazioni.

2 commenti:

  1. Commenti (graditi) arrivati tramite fb:
    "Un compliment e une laude al blog Alesso e Dintorni che nus ten simpri informâts su ce che al sucêt ta nestre val" (Remo Brunetti)

    " Si fa sempre il possibile....spesso per vie traverse e MOLTO spesso tra mille ostacoli...." (Fausto Marchetti )

    RispondiElimina
  2. Sarebbe bello avere la gioia di vivere il lago come me lo descrivevano i miei nonni e dare il giusto valore a un territorio che merita molto di più di ciò che ha.

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa attraverso il commento agli articoli è unicamente quella del suo autore, che conseguentemente si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione sul Blog "Alesso e Dintorni" del testo inviato.
OGNI COMMENTO, ANCHE NELLA CATEGORIA ANONIMO;, DEVE ESSERE FIRMATO IN CALCE, ALTRIMENTI NON SARà PUBBLICATO.
Grazie.