"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

sabato 4 agosto 2012

Tra Leale e Tagliamento, un'overdose di centraline (2)

Riceviamo e pubblichiamo un contributo di  riflessione sul fatto, segnalato dal Blog, della singolare contemporanea presentazione di numerose richieste per la realizzazione di centraline sull'uscita del Lago e sul Leale.

----------------

Gestione delle acque: servono informazioni 
e scelte chiare, rapide e trasparenti

Se si fanno considerazioni di tipo generale, si possono enunciare concetti omnicomprensivi che si adattano a qualsiasi realtà. Se invece, si analizzano i singoli progetti, allora vengono fuori le differenze, con la conseguente esigenza di dire dei “no” oppure dei “si”.
Tutto questo, forse, vale in altre nazioni ma non in Italia, dove accade che un’azienda (Edipower) presenti un progetto (giusto o sbagliato che sia) e dopo oltre quattro anni non sa ancora se potrà realizzarlo o meno. E così, magari, ci si stupisce se quella od altre aziende decidono “improvvisamente” di emigrare all’estero.
Una considerazione generale, non certamente l’unica, porta ad affermare che l’acqua è un bene prezioso, che fa gola a molti e che, proprio perché preziosa, se se ne vuole attuare lo sfruttamento, deve essere adeguatamente pagata. E’ bene ricordare, però, che essa non è un bene privato, ma pubblico; appartiene a tutti. Ed è anche utile sapere che le competenze  sulle acque coinvolgono solo parzialmente gli enti territoriali.
La considerazione che nessuno dei tanti progetti presentati veda protagonista le realtà locali è significativa, ma non mi pare sposti i termini del problema.
Un’altra considerazione generale è che esistono progetti di così  ampia dimensione da poter pesantemente condizionare ed interagire con il territorio ed altri, invece, di portata molto più limitata che, ferme restando tutte le verifiche del caso, potrebbero aspirare a delle risposte molto più celeri. Allo stesso modo, occorrerebbe distinguere tra centraline che prelevano acqua  per far funzionare delle turbine e la reimmettono nello stesso alveo poche decine di metri più a valle e prese che destinano l’acqua all’irrigazione  e quindi non la restituiscono. Insomma, non si può fare di tutta l’erba un fascio.
Di sicuro c’è solo un fatto; l’acqua proveniente dal Lago e dal Leale interessa a molti e necessita di informazioni e scelte chiare, rapide e trasparenti. Anche da parte dei Comitati.
Giacomo De Vita


1 commento:

  1. remo brunetti6 agosto 2012 01:44

    Juste, le aghe a è preziôse.Ma cuant che si dîs che a è di ducj, in italie al è come dî che no è di nissun e che si pos fâ di jei ce che si vûl.

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa attraverso il commento agli articoli è unicamente quella del suo autore, che conseguentemente si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione sul Blog "Alesso e Dintorni" del testo inviato.
OGNI COMMENTO, ANCHE NELLA CATEGORIA ANONIMO;, DEVE ESSERE FIRMATO IN CALCE, ALTRIMENTI NON SARà PUBBLICATO.
Grazie.