"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

martedì 3 aprile 2012

3 di avrìl. Interrogandosi sul senso della festa friulana

Il 3 aprile 1077 il Friuli diventava Stato indipendente affidato alla sovranità del Patriarca d’Aquileia, per un atto dell’Imperatore Enrico IV.  Nasceva così lo Stato friulano.La comunità friulana veniva a costituirsi in Stato indipendente e la Chiesa d’Aquileia assumeva anche il potere temporale, uno Stato retto dal Patriarca e dal Parlamento della Patria del Friuli, dotato di un proprio esercito, propria diplomazia e istituzioni amministrative e giudiziarie, di una propria legislazione, di una assemblea rappresentativa che è tra le più antiche d’Europa.
Il 3 aprile pertanto è una data fondamentale per la storia e l’identità del Friuli, che tutti i friulani devono ricordare 

MMa, a proposito della stessa data, si possono leggere anche opinioni diverse, per esempio:
Come friulano doc,  non festeggerò il 3 di aprile. Quello lo festeggiano a ragione gli eredi dei Sorestans, i nobili insomma. I nostri avi popolani e servi della gleba, cenciosi e affamati, in balia dei signorotti di turno avevano poco da festeggiare.
(V.R.)

Ne vogliamo discutere, anche qui, dove i Patriarchi han lasciato tracce (solo?) nell'apprezzamento verso i pesci del Lago  ("1212. Dominus Patriarcha investivit D. Ottonem de Glemona de lacu Cavaz.... et D. Otto suisque heredes teneantur servire D. Patriarcha suisque sucessoribus cum pisces....")?

2 commenti:

  1. E iò i mi šònti (tan kìstu sprofitamènt sfondràt) par mandàvi la preghièra dal sindic di Ciarlìns lišùda ta la mèssa da la domènia ulìva, par mensionà ència la Fiesta dal Friul.
    Bùna Paska
    Kèku


    Preiere dai furlans


    Diu Pari
    che tu às creade
    la immensitàt dal mont,
    che tu às mandàt Ermacure
    a impianta la tó Glesie
    su lis maseriis di Aquilee
    parcè che e pandi la tó lus
    ai todesc, ai slàvs e ai furlans,
    fànus vivi
    come fradis
    te nestre Patrie.

    Signor,
    che Tu às a cjàr
    il nestri vivi,
    fàs che o podèdin
    onorati a dilunc,
    su la olme di Marc,
    di Ilari e Tazian,
    di Eufemie e Doro tee,
    di Cromazi,
    di Paulin e di Beltram,
    di Marc di Davian
    e di Luis Scrosop,
    semenant vie pai mont
    la gjonde di jessi furlans
    e di jessi bandiere de nestre tiere.

    Spirt di Diu
    dànus la fuarze di tigni cont lis nestris lidris, no par iemplàsi di superbie ma par savè cui che o sin, di dulà che o vignìn e indulà che o podìn là, par fa incressi l'amor jenfri ducj i popui.

    Madone di Mont,
    di Barbane, dal Lussari,
    Madone di dutis lis glesiis dal Friùl,
    gale des nestris fameìs,
    dai nestris viei,
    dai nestris fruts,
    de nestre int.

    Inte lenghe mari
    e je la nestre preiere.
    E come la mari
    e je che fortunade creature
    che e puarte tal so grim
    la samence de vite,
    cussi la lenghe
    e je la samence dai popui.
    Che la nestre preiere
    e rivi tal DI
    tant che il cjant armoniós
    dai furlans.
    Amen.

    Diego Navarria
    Cjarlins, ai 24 di Marc dal 2012

    Lete la prime volte in public inte glesie di S. Tomàs Apuestul di Cjarlins al 1n di Avrii dal 2012 te Fleste de Patrie dal Friùl

    RispondiElimina
  2. Diego Navarria13 aprile 2012 11:10

    Al è stât publicât un test de preiere cence acents doplis e con culchi erôr di batude. Alore ûs mandi chel just. Diego Navarria

    Preiere dai furlans

    Diu Pari
    che tu âs creade
    la immensitât dal mont,
    che tu âs mandât Ermacure
    a implantâ la tô Glesie
    su lis maseriis di Aquilee
    parcè che e pandi la tô lûs
    ai todesc, ai slâvs e ai furlans,
    fânus vivi
    come fradis
    te nestre Patrie.

    Signôr,
    che Tu âs a cjâr
    il nestri vivi,
    fâs che o podèdin
    onorâti a dilunc,
    su la olme di Marc,
    di Ilari e Tazian,
    di Eufemie e Dorotee,
    di Cromazi,
    di Paulin e di Beltram,
    di Marc di Davian
    e di Luîs Scrosop,
    semenant vie pal mont
    la gjonde di jessi furlans
    e di jessi bandiere de nestre tiere.

    Spirt di Diu
    dânus la fuarze di tignî cont
    lis nestris lidrîs,
    no par iemplâsi di superbie
    ma par savê cui che o sin,
    di dulà che o vignìn
    e indulà che o podìn lâ,
    par fâ incressi l'amôr
    jenfri ducj i popui.

    Madone di Mont,
    di Barbane, dal Lussari,
    Madone di dutis lis glesiis dal Friûl,
    cjale des nestris fameis,
    dai nestris viei,
    dai nestris fruts,
    de nestre int.

    Inte lenghe mari
    e je la nestre preiere;
    e come la mari
    e je chê fortunade creature
    che e puarte tal sô grim
    la samence de vite,
    cussi la lenghe
    e je la samence dai popui.
    Che la nestre preiere
    e rivi tal Cîl
    tant che il cjant armoniôs
    dai furlans.
    Amen.

    Diego Navarria
    Cjarlins, ai 24 di Març dal 2012

    Lete la prime volte in public inte glesie di S. Tomâs Apuestul di Cjarlins al 1n di Avrîl dal 2012 te Fieste de Patrie dal Friûl

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa attraverso il commento agli articoli è unicamente quella del suo autore, che conseguentemente si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione sul Blog "Alesso e Dintorni" del testo inviato.
OGNI COMMENTO, ANCHE NELLA CATEGORIA ANONIMO;, DEVE ESSERE FIRMATO IN CALCE, ALTRIMENTI NON SARà PUBBLICATO.
Grazie.