"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

mercoledì 16 dicembre 2015

Braulins, cent'anni di ponte (II)

In una sala consiliare gremita, si è tenuta ieri sera a Gemona la presentazione del Lunari di Pense & Maravee e dell'Ecomuseo della Val del Lago dedicato al ponte di Braulins.
Dopo l'introduzione di Roberto Urbani di P&M ed i saluti istituzionali (per il Comune di Trasaghis è intervenuto il consigliere Enrico Masiero), si è dato spazio alle relazioni di Pieri Stefanutti (sulle vicende storiche legate alla costruzione del ponte,  dai "passi di barca" alla costruzione in muratura, con le diverse vicissitudini quali i crolli per le guerre e per le piene del Tagliamento....) e di Angelo Floramo (che ha esposto una rilettura della storia del territorio, dalla preistoria ai giorni nostri, con largo spazio alle suggestioni offerte dalle leggende e dalle tradizioni popolari, spaziando tra alleanze e rivalità lungo le rive di un fiume spesso rapace). 

L'intervento del prof. Floramo

La serata ha avuto momenti dedicati alla musica (col raffronto tra le versioni tradizionali e moderne del canto "Sul puint di Braulins") e ai video (con la presentazione del lavoro di B. Pisani e G. Tuti).

Il Lunari dal Puint verrà presentato anche  a TRASAGHIS 

sabato 17 in sala consiliare, alle 20.30.

Su youtube è già presente il video dei "¿Cuinon?"  che hanno eseguito dal vivo la loro versione della popolare canzone "Sul Puint di Braulins" in occasione della presentazione del Calendario 2016 di Pense e Maravee nella sala consiliare di Gemona.

Chi non può o non vuole sentire l'esecuzione dal vivo giovedì a Trasaghis, può vederlo anche da qui:


Osservazioni, valutazioni e commenti sull'iniziativa culturale sono naturalmente sempre graditi.

2 commenti:

  1. Si sa che prin da version cjantade a Tango, la vilote dal Puint di Braulins a vignive cjantade cun tune atre musiche. Musiche che a ere lade
    dismenteade. Eise forsit chê riproponude dai Cuinon?

    RispondiElimina
  2. Pieri Stefanutti19 dicembre 2015 08:03

    Daûr di ce che al à studiât il prof. Bruno Rossi, "Sul puint di Braulins" al ven cjantât su la musica dal tango milonga "Oh Donna Clara", scrit dai polacs Wlast e Peterbursky intal 1928. Po' stai che prin al vegnis cjantât su l'aria das vilotas tradizionâls, cussì come che al è probabil che al nucleo origjinâl (l'asìn sul puint) a setin stâts zontâts man man âtis tocs (e cuant tornaiso, e ce beveiso...). La cjanta di vuê, insoma, al è il risultât dal lavôr musicâl di tancj che àn metuda man.
    La version dai Cuinon (come che prin a vevin provât a fâ i Arbe Garbe e ancje altris grops) a jè une reinterpretazion in clâf moderna, cuntun nûf arangjament e sonoritâts difarentas. Il toc si po' zà scoltâlu su youtube, e al sarà interessant jodi e capî cemût e trop che al vegnarà preseât.

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa attraverso il commento agli articoli è unicamente quella del suo autore, che conseguentemente si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione sul Blog "Alesso e Dintorni" del testo inviato.
OGNI COMMENTO, ANCHE NELLA CATEGORIA ANONIMO;, DEVE ESSERE FIRMATO IN CALCE, ALTRIMENTI NON SARà PUBBLICATO.
Grazie.